Ornitologia online - Prodotti per uccelli
Miele, olio e prodotti biologici Vismara
Cocoshop - Acquisti articoli per cocorite e pappagallini

COCOSHOP!!!

Acquista articoli ed alimenti per le tue cocorite

Selezione migliori prodotti dedicati ai pappagallini


Mangimi Alimenti Accessori Integratori Libri

Centro Veterinario Animali Esotici Palermo Sicilia Centro specializzato  nel trattamento veterinario di animali esotici

Centro Veterinario per Animali Esotici


Centro Veterinario di Palermo, specializzato nella cura degli animali esotici


Viale Regione Siciliana Sud Est 422-426 :: Tel. 349.2581860 :: www.veterinarioesoticipalermo.it

TropicalWorld negozio online con articoli per animali

TropicalWorld

L'amico numero 1 dei tuoi animali

www.tropicalworld.it


COCORITI.COM

Portale del pappagallino ondulato

Accessi totali: 1065720
Accessi oggi: 60

Cocorite e pappagallini ondulati

- articoli e approfondimenti

Addomesticare un pappagallino

Una cocorita perfettamente a suo agio in mano all'uomo
Sono sempre di più le persone che cominciano a riconoscere nei pappagallini non semplici e colorate bellezze da osservare attraverso le sbarre, ma veri e propri animali domestici dotati di una spiccata intelligenza con i quali è possibile interagire, alla pari di un cane o di un gatto.

Per fare questo, per tenere libero il proprio uccellino in casa, e scoprire con il tempo le sue mille manifestazioni di affetto e di intelligenza, per vederselo volare sulla spalla quando si rientra dopo una giornata di lavoro o per averlo a tavola che mangia ordinatamente dal suo piattino accanto al nostro, bisogna addomesticarlo.


Il primo punto fermo su cui bisogna lavorare è far acquistare al pappagallino fiducia in noi.

Se il soggetto è stato allevato a mano, questa operazione in genere non è necessaria o comunque è una pratica veloce, dato che il piccolo, allevato amorevolmente dall'uomo fin dai primi giorni di vita, non ha alcun motivo per temerlo, e si lascia da subito accarezzare e toccare dalle nostre mani.


Se il soggetto invece ha avuto una crescita naturale senza contatti con l'allevatore (ed è così per tutti i cocoriti che si comprano nei negozi o nei mercati) allora avrà una naturale diffidenza e paura dell'uomo che bisogna cercare di correggere: in questo caso l'operazione sarà comunque lunga, e i risultati migliori si ottengono su soggetti giovani di 2-4 mesi; fino all'anno di età si può ancora tentare di lavorarci, anche se il tempo per avere dei risultati cresce di conseguenza, mentre su soggetti più grandi l'impresa è estremamente difficile.


Per conquistare la fiducia di un pappagallino non allevato a mano bisogna passare tanto tempo davanti alla gabbia, posizionandola nella stanza dove passiamo la maggior parte della giornata, in modo che lui si abitui alla nostra presenza. Quando, camminando avanti e indietro alla gabbia, il pappagallino se ne sta tranquillo sul suo trespolo, possiamo parlargli dolcemente, con voce bassa e melodiosa.


Si può successivamente tentare di passare del cibo al nostro amico attraverso le sbarre, e quando si avvicinerà saremo già a buon punto: il passo successivo sarà introdurre le mani (con del cibo) e aspettare che il pennuto venga a beccarlo da li.

Quando ciò accadrà, si tenterà di accarezzarlo, partendo dalla coda e via via salendo verso la testa.
Quando anche questo risultato sarà stato ottenuto, si cercherà di far salire il pappagallino sul dito tenendolo fermo e teso davanti a lui, all'altezza del torace (i pappagalli per istinto tendono a salire, mai a scendere).

Quando tutte queste fasi sono state completate, si cercherà di portare fuori dalla gabbia il pappagallo che abbiamo sul dito, impresa non scontata, in quanto nella loro gabbietta questi soggetti si sentono più sicuri.

Ciascuna di queste semplici operazioni che ho descritto in poche righe può richiedere settimane di esercizi, in alcuni casi mesi interi, ma solo quando avrete ottenuto ciò il vostro pappagallino si fiderà di voi e potrete procedere all'addomesticamento vero e proprio.

Gli esercizi per addomesticare un pappagallo vanno ripetuti quotidianamente anche due volte al giorno, per un tempo di circa 20 minuti.

Le lezioni vanno tenute singolarmente, quindi se si hanno più pappagalli, mentre uno è "a scuola" gli altri devono essere in un'altra stanza in modo da non disturbare l'allievo con la vista e i richiami vocali.


Resta comunque assodato che se si hanno più soggetti, quando si rimettono insieme tendono a inselvatichirsi nuovamente, quindi l'ideale sarebbe addestrare in maniera indipendente due pappagallini e unirli solo quando hanno entrambi molto legato con l'uomo.

Vediamo nello specifico come si abitua il pennuto a certe azioni, una volta ottenuto che esso viene in automatico sul dito quando lo si tende davanti a lui.

Farlo venire da voi al richiamo: il cochino deve conoscere il suo nome, innanzi tutto.
Pertanto tenderete il dito e pronuncerete frasi semplici come "Su " seguito dal suo nome.
Via via allontanerete il dito in modo che per salirvi il piccolo debba fare prima un saltello, poi un piccolo volo.
Ogni volta che il pappagallino farà quello che chiedete, lo ricompenserete con una piccola golosità, un complimento sincero o una grattatina sul capo.


Farlo bere a canna dal lavandino e insegnargli a fare la doccia: tenendo il pappagallino sul dito, aprite un filo di acqua dal rubinetto. Può darsi che la curiosità lo spinga da solo ad assaggiare quel filo trasparente e il vostro lavoro sarà finito.
Se invece dovesse mostrare diffidenza e paura, fatevi vedere voi stessi bere sorsetti dal filo di acqua, in poche volte il cocorita vi imiterà. Quando avrà imparato a bere con disinvoltura, spontaneamente gli verrà voglia di fare la doccia, ed è uno spettacolo molto simpatico.
In genere i pappagallini che imparano a bere e a fare la doccia in questo modo, vi chiedono loro stessi di aprirgli il rubinetto in maniera inequivocabile, piazzandovisi sopra e richiamando la vostra attenzione in ogni modo.

Fare i grattini al vostro pappagallino: se riuscite in questa impresa, il vostro uccellino vi ama in maniera incondizionata: a differenza di altre specie di pappagalli, i cocoriti considerano i grattini (ricevuti dall'uomo) come un grande atto di amore e fiducia: il momento migliore per "provarci" è quando sono rilassati sul trespolo con una zampetta sollevata o quando si stanno facendo toletta: se avvicinando il dito ai baffetti intorno al becco, il cochino ruota a 90 gradi la testolina e gonfia il piumaggio... ci sta!! E dovete solo godervi questo spettacolo meraviglioso mentre muovete delicatamente le vostre dita tra le sue vaporose piumette.

Mangiare a tavola con voi iniziate con tenere il pappagallino su un trespolo vicino a voi o sulla vostra spalla quando siete a tavola.
Se notate che cerca di scendere sul tavolo e curiosare tra le cose presenti e non lo reputate igienico, riposatelo nella sua gabbietta e portatelo a tavola a pasto ultimato, in modo che possa "pascolare" liberamente tra gli avanzi del banchetto.
Raccogliete alcune golosità in una ciotolina (io uso i tappetti dei barattoli) in modo che dopo qualche volta che va in giro sul tavolo , identifichi la ciotolina come il posto migliore di tutta la tavola.
Quando questa operazione sarà assimilata, aggiungete un posto a tavola!
Tenete tuttavia presente che, se il soggetto è curioso, durante il pasto tenderà a venire spesso e volentieri a controllare se quello che c'è nel vostro piatto è lo stesso di quello che c'è nel suo..


Insegnargli a parlare Il pappagallino ondulato è anatomicamente strutturato in modo tale da non essere portato alla parola come i suoi cugini di taglia maggiore; inoltre la sua pronuncia è talmente veloce che può capitare che esso ripeta qualche parola ma noi non riusciamo a decifrarla. E' molto più frequente invece che il cocorita impari qualche rumore come il gocciolio del rubinetto o il trillo del telefono o il cigolare della porta, e si diverta a ripeterli per fare il burlone.

Tuttavia, poichè è noto il caso di un cocorita che ha imparato circa 300 parole, se vi siete messi in testa di voler insegnare lo stesso a parlare al vostro amico, munitevi di pazienza e ogni giorno dedicate 10 minuti a ripetergli uan parola facile (per esempio "ciao" o "bravo" o "vieni" o "bello") scandendola bene. Utilizzate spesso questa parola anche durante il giorno quando interagite con lui, facendola seguire dal suo nome ("vieni birba", ciao birba", "bravo birba"!...)

Se avete un solo soggetto e molto probabile che entro un anno al massimo lo sentirete ripeterla.
Non insegnate mai una nuova parola , prima che la prima sia stata imparata.

Se il pappagallino vive stabilmente libero in casa con voi, troverete senz'altro mille spunti per insegnarli nuove cose, assecondando la naturale attitudine del vostro amico.

L'unica cosa da non dimenticare mai, è che la calma e la pazienza sono doti fondamentali se si vogliono ottenere risultati e che alzare la voce non porta mai ad alcun buon risultato: se il pappagallino un giorno è stanco o svogliato, lasciate perdere la lezione e rimandate la cosa al momento in cui sarà nuovamente predisposto.






Articoli su argomenti analoghi:

edd90
COCO JUNIOR
Iscrizione: 17 Apr 2012
Commenti:9
20/04/2012 22:24
il mio problema è che le coco sono molto grandi e siccome non hanno mai avuto rapporti con l'allevatore non riesco ad addestrarle e poi come faccio a farli mangiare la frutta rispondete please
clo
ADMIN
Iscrizione: 02 Ott 2011
Commenti:45
20/04/2012 23:18
come ho sottolineato nell'articolo, addomesticare un cocorita ormai adulto è un'impresa molto difficile.
kokko97
PULLO
Iscrizione: 16 Mag 2012
Commenti:1
16/05/2012 19:25
sto seguendo la guida ma i mie cocoriti appena mi avvicino alla gabbia si spaventano
clo
ADMIN
Iscrizione: 02 Ott 2011
Commenti:45
16/05/2012 22:07
che età hanno e da quanto tempo li ahi con te?
ylenia
PULLO
Iscrizione: 12 Mag 2012
Commenti:1
25/05/2012 21:43
Mi sono nati due piccoli cocoriti.. chissà se riuscirò ad addomesticarli??Qualche consiglio in più??? =)
edd90
COCO JUNIOR
Iscrizione: 17 Apr 2012
Commenti:9
25/05/2012 22:34
allevali a mano
luckyiris
PULLO
Iscrizione: 31 Mag 2012
Commenti:1
01/06/2012 00:57
davvero bellissimo topic..ho solo una domanda, per pulire la gabbietta come faccio uscire i coco?
Crippola
PULLO
Iscrizione: 16 Ago 2012
Commenti:3
16/08/2012 20:11
Ciao, grazie per questo topic, è molto interessante. Purtroppo i miei Bonnie e Clyde hanno già più di un anno e so che quindi non potrò ottenere grandi risultati. In meno di un mese da quando li ho presi però ho già raggiunto dei buoni risultati: prima erano terrorizzati ogni volta che mi avvicinavo alla gabbietta, ora riesco ad infilargli la mano dalla portici ma tenendo da un capo la spiga di panico e loro vengono a mangiarla dall'altro capo! Per me, contando che sono al lavoro 8 ore al giorno, è una soddisfazione enorme! Ho letto però che sarebbe meglio lasciare le cocorite libere di farsi dei voletti in casa, ma io non mi fido ancora, perché temo che tirandole fuori poi non riuscirei più a prenderle.. Poi ho una curiosità forse un po' stupida: ma te che le tieni sempre libere per casa, come fai con le cacche? :D
bicisletta
PULLO
Iscrizione: 08 Set 2012
Commenti:2
09/09/2012 18:11
ciao , ho comperato da 2 giornidue cocoriti speriamo bene....!! vorrei un giorno portarli sulla mia mano...!!grazie..
Roby87
COCO JUNIOR
Iscrizione: 05 Set 2012
Commenti:1
20/09/2012 16:11
Ciao...come posso fare per convincere i miei coco ad uscire dalla gabbia?!hanno sui 6 mesi e non sn addestrati..però con molta pazienza riesco a farli salire sul dito, ma di uscire non se ne parla..neanche invitandoli col cibo..
Vito95
PULLO
Iscrizione: 23 Ott 2012
Commenti:4
27/10/2012 11:37
ciao a tutti complimenti e un articolo molto bello e istruttivo....mi chiedevo vale lo stesso anche per i roseicollis???grazie
Alp_Vampire
MODERATORE
Iscrizione: 18 Feb 2012
Commenti:5
27/10/2012 13:14
Si Vito.. vale per tutti i pappagalli..
Vito95
PULLO
Iscrizione: 23 Ott 2012
Commenti:4
27/10/2012 14:33
grazie Alp_Vampire
marty98
PULLO
Iscrizione: 16 Nov 2012
Commenti:2
16/11/2012 15:58
io ho un pappagallino e spero di potere portarlo sul dito anke io
crystal1978
PULLO
Iscrizione: 17 Ott 2012
Commenti:1
18/11/2012 23:21
salve a tutti volevo fare una domanda ho una pappagallina di circa 6 o 7 mesi... ma da 3 giorni non mi accetta piu mi attacca cerca di beccarmi.... premetto che nei giorni prima invece veniva vicino e mi dava dei bacini!!! come posso fare non capiso cosa sbaglio non capisco cosa ha mi attacca sempre non mi fa avvicinare alla gabbia e appena metto il dito dentro.. mi attacca grazie per evntuale risposta sono preoccupato ma ancora posso pensare di addestrarla è una femminuccia sono preoccupato salve e grazie
billy209
PULLO
Iscrizione: 22 Nov 2012
Commenti:4
22/11/2012 19:48
io ho un cocorito verde di nome billy di sera lo faccio uscire aprendogli lo sportellino billy però non le ne frega più di tanto perche vuole giocare con la scatolina del cibo dovete assolutamente vederlo entra con tutto il ccrpo quando me ne vado billy tende ad arrabbiarsi cantando con striduli molto brutti rispondetemi
Eu
COCO BABY
Iscrizione: 09 Gen 2013
Commenti:2
11/01/2013 17:44
ciao a tutti, io ho finito di addestrare oggi il mio cocorito maschio, mentre la femmina non si fa ancora toccare. io ad addestrare icaro, così lo ho chiamato ci ho messo 4 giorni, il primo, appena arrivato a casa l'ho fatto ambientare nella gabbia ed il giorno dopo gli ho comprato una femmina.ho messo la gabbia sul tavolo e ho cominciato a parlare con loro, poi ho infilato la mano dentro, ma senza toccarli, il giorno dopo non ho fatto l'addestramento; poi ho cominciato a toccare icaro e farlo salire sul mio dito, (solo icaro) perchè lilli aveva ed ha tuut'ora molta paura; oggi, sono stato prima una decina di minuti con loro ripetendo l'operazione del giorno prima. poi ho detto ai miei genitori che avrei liberato icaro, loro hanno detto che non era ancora il momento, ma l'ho fatto lo stesso ed è andato tutto benissimo, lui si faceva prendere e non aveva paura di me; solo il gatto è stato un problema, perchè è una vera assassina di uccelli. ciao a tutti!!! p.s. forse lilli non si fa addestrare perchè per 2 giorni è stata male ed aveva dei parassiti e la diarrea, quindi l'ho dvuta catturare per dare lei il frontline e la crema.
pippo98
PULLO
Iscrizione: 25 Gen 2013
Commenti:1
26/01/2013 15:50
Ciao, questo topic è davvero interessante..i miei cocoriti sono abbastanza grandi quindi credo di non ottenere buoni risultati..vorrei provare a farli uscire dalla gabbietta ma non so come fare! ho paura che quando saranno fuori dalla gabbia svolazzano per tutta la casa e poi non so riusciro' a prenderli!
loreto
PULLO
Iscrizione: 17 Gen 2013
Commenti:1
14/02/2013 15:17
Ciao!! :) ho un cocorita da 10 mesi, si chiama loreto e credo che quando io l'ho preso avesse già 1 anno circa. Vorrei addomesticarlo, fin'ora riesco a dargli da mangiare da fuori la gabbia e un po' più difficilmente ( è da un po' che non ci provo) da dentro. Riesco anche a staccare le palline dalla spiga dei panico e dargliele da fuori con la mano :) vorrei sapere cos'altro portei fare :)
christian_
PULLO
Iscrizione: 19 Feb 2013
Commenti:1
19/02/2013 15:16
allora ieri ho acquistato un cocorita al neg di animali.. ora lui si fa prendere... nn si spaventa se io introduco la mano nella gabbia neanche se lo accarezzo mentre mangia comunque per salire sul mio dito sale ma devoun po forzarlo ( levargli le unghie appese al trespolo e poi lui sale) come devo fare ad addomesticarlo e farmelo salire sul dito di sua spontanea volonta ? aiutatemi oggi ho provato a liberarlo in cucina ed ha cominciato a volare di qua e di la fino a qndo sn riuscito a rimetterlo in gabbia ... datemi cconsigli vi prego da premettere che avra si e no 2 mesi se nn piu piccolo
alessia coco
COCO JUNIOR
Iscrizione: 25 Mar 2013
Commenti:3
26/03/2013 19:19
Ho un problema molto grosso:la fiducia. Quando li vedo non scappano, ma quando metto la mano nella gabbia cominciano a svolazzare e io ne sono disperata!!!!!!! P.S. Ce li avevo da piccoli e non ho avuto un rapporto molto bello,quindi non so come riacquistare la loro fiducia e ho 2cocorita femmine e un maschio. Il maschio l'ho appena comprato.Aiutatemi!!!!!!!!!!!
Nico coco14
COCO JUNIOR
Iscrizione: 02 Apr 2013
Commenti:1
03/04/2013 00:41
ciao sono nuovo e sono il fratello di carla coco1 e ho 11 anni e una ho coco di nome serra di 34 giorni
clo
ADMIN
Iscrizione: 02 Ott 2011
Commenti:45
03/04/2013 21:46
a loreto , christian e alessia consiglio pazienza e quotidiana dedizione, ma mentre con un cocorito di 2 mesi ci si possono aspettare discreti risultati in tempi relativamente brevi, con quello di quasi 2 anni ci si può aspettare pochissimo in tantissimo tempo.A nico invece consiglio di usare il cocoblog per la presentazione , le domande , e via dicendo;-)
saretta2000
PULLO
Iscrizione: 18 Lug 2013
Commenti:1
18/07/2013 18:05
Ho due piccoli cocoriti ho provo a dargli il cibo direttamente dalla mano ma semdrano piu diffidenti dei loro genitori che vengono a mangiare dalla mano .è normale? ,qualche consiglio per l'addestramento!!!
cocchiag
COCO BABY
Iscrizione: 23 Lug 2013
Commenti:2
25/07/2013 18:46
ho guardato il video ed è ben spiegato
azzurrina
COCO BABY
Iscrizione: 07 Dic 2012
Commenti:1
21/08/2013 14:40
IO RIESCO SOLO A DARGLI UN BISCOTTO DA DENTRO AL MIO COCO, MA CI STO LAVORANDO. COMUNQUE GRAZIE PER L ARTICOLO!
Coco Matty
PULLO
Iscrizione: 27 Ago 2013
Commenti:8
07/09/2013 14:58
Ciao, sono nuovo e hi 12 anni. Il mio cici ultimamente mi becchetta le dita ( non sempre ma siamo lu vicino) non so se è perché un paio di volte lo ho afferrato. Si puo correggere? P.S. Quando mi becchetta non tolgo ul dito perché secondo me lo prende come u gioco, é così?
clo
ADMIN
Iscrizione: 02 Ott 2011
Commenti:45
07/09/2013 20:48
le beccatine leggere sono esplorazioni o bacetti, quelle più forti possono essere un segno di fastidio oppure di gioco: in quest'ultimo caso il pappagallino non riesce a controllare bene l'intensità e bisogna correggerlo con fermezza e dolcezza.
Coco Matty
PULLO
Iscrizione: 27 Ago 2013
Commenti:8
10/09/2013 22:49
In ogni caso (gioco senza moderazio e e fastidio) come faccio a correggere il Coco?
Coco Matty
PULLO
Iscrizione: 27 Ago 2013
Commenti:8
09/10/2013 20:16
Scusami Clo, ma dai vari video e immagini si intuisce che hai molte coco libere per casa. Come faccio anche io a tenere il mio coco se, sul pavimento, rilascia feci e urine per casa?
shiro
PULLO
Iscrizione: 13 Ott 2013
Commenti:3
13/10/2013 14:15
ho un cocorito di 2 mesi ma non vuole mngiare il cibo dalla mia mano !
clo
ADMIN
Iscrizione: 02 Ott 2011
Commenti:45
13/10/2013 15:37
Coco Matty, il problema delle feci è stato affrontato in varie discussioni nel blog, in genere se hanno un loro punto di appoggio, passano li la maggior parte del giorno e le feci si accumulano verticalmente sotto le loro postazioni, o sulla tua maglietta se soggiornano sulla spalla...basta avere una maglietta di serie B da tenere in casa in questo caso ;-) Shiro, insisti, i risultati mica sempre sono immediati.
Batty00
COCO BABY
Iscrizione: 06 Ago 2013
Commenti:2
05/12/2013 20:56
Veramente molto interessante.....:-0
Lau00
PULLO
Iscrizione: 31 Dic 2013
Commenti:1
31/12/2013 15:41
Voglio comprare dei pappagallini e mi servirebbe qualche consiglio sulla scelta. Ho letto il capitolo dedicato alla scelta, volevo prendere una coppia con il singolo che non costi più di 100Euro(ovviamente li prendo insieme), che specie mi consigliate?
Miry
COCO BABY
Iscrizione: 09 Nov 2013
Commenti:14
02/01/2014 12:40
AIUTOOO!!! Mi è appena nato un pulso dalle uova dentro il nido di uccello tessitore che avevamo trovato caduto da un baobab millenario!!! E mo' come faccio?! Spero che cresca in fretta! Gli ho dato un po' di pappa facendo alla brace vari insetti con acqua a 40 gradi, adesso dormicchia su di me! A volte provo a svegliarlo x vedere se è ancora vivo. adesso non potrò nemmeno andare a farmi un bagno nell'oceano Atlantico, non potrò andarmi a fare la doccia e soprattutto non mi potrò più muovere da casa fino a quando non sarà cresciuto!!! AIUTATEMI PER FAVORE !!!
silvioct46
PULLO
Iscrizione: 25 Gen 2014
Commenti:5
26/01/2014 12:13
Salve, io dopo che sono riuscito a farlo salire silla mano e sul dito ho scoperto chr avrva la scabia e siccome lo dovevo prendere per mettere lo scabiacid pra non si fida più r scappa appena finisco la cura ci riprovo voi che dite riesco secondo voi?
30mia14
PULLO
Iscrizione: 24 Feb 2014
Commenti:1
01/03/2014 17:28
ciao, mi sono appena iscritta su questo sito e volevo sapere se questo vale anche per gli uccelli selvatici perchè io ho trovato un cucciolo di rondine con tutte le formiche e le mosche addosso e ho guardato ma i suoi genitori non li ho visti perche di solito se ne trovo uno in giro lo metto sotto un albero o sotto degli arbusti e guardo se i suoi genitori sono venuti a prenderlo allora l'ho portato a casa e con l'aiuto di mia mamma gli abbiamo dato da mangiare del pane ammorbidito nell'acqua perche poi volgio che impari a volare e infine lo libererò potreste darmi dei consigli???' comunque bell articolo!!!! complimenti!!!
noemimarlin
PULLO
Iscrizione: 24 Mar 2014
Commenti:6
31/03/2014 19:09
io ho ottenuo il prmo passo ma ci sto lavorado col secondo eil terzo
Ciccio09
COCO BABY
Iscrizione: 03 Apr 2014
Commenti:7
03/04/2014 19:41
Cloe mi chiamo francesco e ho 11 anni . ho una coppia di coco ma non riesco ad addomesticarli quando gli avvicino con la mano piena di mangime scappano impauriti . perche ?
clo
ADMIN
Iscrizione: 02 Ott 2011
Commenti:45
03/04/2014 20:49
i nidiacei trovati per strada si possono allevare a mano riducendo il più possibile il tempo di contatto tra noi e loro , per evirae che si affezionino e che sviluppino troppa fiducia nell'uomo, dato ceh andranno liberati.sarebbe meglio affidarli da subito a un centro recupero fauna selvatica, c'è n'è uno o più in ogni regione. ciccio può darsi che i tuoi cocoriti siano adulti e tu non ti ci dedichi con sufficiente costanza.
Ciccio09
COCO BABY
Iscrizione: 03 Apr 2014
Commenti:7
03/04/2014 21:02
Ma il negoziante mi ha detto che hanno 6-7 mesi
Ciccio09
COCO BABY
Iscrizione: 03 Apr 2014
Commenti:7
03/04/2014 21:05
Il maschio in po' mi segue ma forse siccome la femmina lo comprata l'altro ieri è quindi il maschio segue quello che fa lei
Ciccio09
COCO BABY
Iscrizione: 03 Apr 2014
Commenti:7
03/04/2014 21:15
A me basta solo Farmelo salire sul dito %uD83D%uDE15%uD83D%uDE0A
Ciccio09
COCO BABY
Iscrizione: 03 Apr 2014
Commenti:7
04/04/2014 15:58
Come si fa a mandare le foto ?
Ciccio09
COCO BABY
Iscrizione: 03 Apr 2014
Commenti:7
04/04/2014 21:14
oggi i miei coco non sono stati spaventati da me ...e di questo sono molto felice perche desidero tantissimo addomesticarli !!!
Ciccio09
COCO BABY
Iscrizione: 03 Apr 2014
Commenti:7
05/04/2014 16:54
Clo che pullo nascerà fra un maschio ancestrale con la coda blu e una femmina blu chiaro come il tuo Franz ??
vilu e dani
COCO JUNIOR
Iscrizione: 31 Ago 2013
Commenti:3
13/04/2014 18:43
io ho 2 coco da un anno ma hanno piu di un anno,io sono bloccata al punto in qui bisogna accarezzarli...poche volte li riesco a toccare come faccio??era successo che riuscivo a toccarli e fargli grattini poi sono mancata per 3 giorni e al ritorno non si lasciavano toccare e ho dovuto rifare tutto da capo :(
noemimarlin
PULLO
Iscrizione: 24 Mar 2014
Commenti:6
26/04/2014 18:25
avevo preso in un negozio una cocorita non allevata a mano a metà pomeriggio o messo la mano nella gabbia e lei mi saliva sul dito era un pò strano sapete dirmi cosa è successo? GRAZIE
Fabio01
COCO BABY
Iscrizione: 25 Apr 2014
Commenti:2
27/04/2014 20:06
Questi consigli funzionano anche con un calo di 1 anno ?
maria75
PULLO
Iscrizione: 17 Mag 2014
Commenti:1
17/05/2014 21:44
Ciao a tutti ....sono nuova di questo bellissimo forum.....ho 2 coppie di pappagallino da circa 10 mesi.....una ha fatto la sua prima covata e sono nati fino ad ora 2 pulli....siccome non ho tempo di allevarli a mano...vorrei sapere dopo quanto tempo posso prenderli dal nido x addomesticarli!!!!!!! GRAZIE!!!!
daniele93
PULLO
Iscrizione: 25 Mag 2014
Commenti:2
25/05/2014 16:20
ciao sono un nuovo utente io ho 2 coco una presa due giorni fa e un maschietto da 2 settimane ed ho nonato che dopo dieci minuti che sono davanti alla gabbia immobile iniziano a giocare e a mangiucchiare sensa temermi ora vorrei sapere posso passare allo step 2? ovvero passargli cibi golosi dalle sbarre?
Articoli in archivio

cocorita con muta franceseAttila è una pappagallina di tre anni.Silvia l'ha trovata per terra in un prato una primavera di tre anni fa, si è accorta che la piccola-all'epoca avrà avuto 3-4 mesi- era spaventata e disorientata e l'ha raccolta e portata a casa con se,nutrendola e dedicandole amorevoli cure .Tuttavia non è servito molto tempo per capire che la piccola attila non riusciva avolare: il piumaggio era completo ma le penne delle ali e della coda nascevano fragili e si spezzavano subito, rendendo la piccola impossibilitata nell'attività caratteristica della sua specie: il volo

Accostiamoci in questo articolo alla conoscenza di una sostanza stupenda che la natura ci offre per prevenire e curare patologie di varia natura e severità: gli oli essenziali

L'estate non ha ancora fatto il suo ingresso ufficiale eppure il caldo di questi giorni di fatto ne testimonia la sua presenza. In campagna il frumento e l'orzo è già alto e a breve avremo anche il mais.

erbe-aromatiche-cocoriteVediamo in questo articolo le piante aromatiche adatte o no per i nostri pappagallini.Anche per le piante considerate ADATTE, si raccomanda di non eccedere nella dose per via dell'alto contenuto di oli essenziali in esse contenuti

Teflon:pericolo mortale per i nostri pappagalliniScrivo questo articolo dopo aver saputo dell’ennesimo episodio di una pappagallina morta in questa maniera atroce, al fine di mettere in evidenza a tutti quali terribili conseguenze possa avere alloggiare i nostri pappagallini in cucina. Sia che i nostri piccoli amici siano liberi sia che stiano dentro la loro gabbietta, la cucina è davvero un pessimo posto per farli vivere.

Primavera.I prati e i rami degli alberi si riempiono di fiori, gli uccellini cinguettano tutto il giorno.La natura si risveglia.Siamo nella stagione della vita, vita che nasce dall’amore. Oggi vi voglio parlare dell’amore che si instaura tra le coppie di pappagallini, perché non sempre è scontato, non sempre è corrisposto, non sempre è felice…..ma quando c’è , è uno degli spettacoli più belli al quale possiamo assistere.

L'uovo nella dieta delle cocoriteL'alimentazione delle cocorite in natura, in Australia loro terra d'origine, consiste in tantissime specie di semi ed erbe a vari stadi di maturazione, con preferenza di quelli non ancora maturi:sono facili da digerire, hanno un alto valore nutritivo e sono la base dell'alimentazione sia in Australia che per le nostre cocorite nate e cresciute in casa.

Alcuni pappagallini sono così addomesticati che vorrebbero condividere con il loro proprietario tutti i momenti della giornata , a cominciare dai pasti. Ma anche soggetti meno legati a noi ma liberi di girare per la casa, non possono resistere alla tentazione di venire a vedere cosa c'è nel nostro piatto.

Navigando su web, ho trovato questa simpatica e funzionale idea per arredare le nostre voliere o stanze dei pappagallini e ve la giro.

Polline per pappagalliniOggi parliamo di un integratore d'eccellenza per i pappagallini: il polline Il polline , il cui aspetto originale è quello di una polverina variamente colorata(dal giallo al nero, a seconda del fiore)altro non è che l'insieme delle cellule riproduttrici maschili della pianta:

Piante d'Appartamento Tossiche per PappagalliniElenchiamo in questo articolo fotografico alcune delle piante d'appartamento più comuni, unendo un'immagine per facilitarne il riconoscimento. Quelle presenti nella lista "tossiche" non devono assolutamente venire a contatto con i pappagallini , perchè possono avere effetti anche molto gravi(fino alla morte del volatile). Le piante ritenute sicure, invece si possono tenere con tranquillità.

Bacche per pappagalliniLa primavera è alle porte e fino ad autunno inoltrato ci offrirà numerose erbe,fiori e bacche che potremo raccogliere per integrare e migliorare l'alimentazione dei nostri pappagallini. Vediamo in questa pagina un elenco di bacche commestibili per i nostri pappagallini. Nella raccolta si deve prestare molta attenzione perchè le bacche sono molto simili tra loro, a un occhio inesperto, e possono essere confuse con altre di tipo tossico o velenoso.

Fiori per PappagalliniLa primavera è alle porte e fino ad autunno inoltrato ci offrirà numerose erbe,fiori e bacche che potremo raccogliere per integrare e migliorare l'alimentazione dei nostri pappagallini. Vediamo una selezione di fiori con i quali possiamo arricchire la dieta dei nostri pappagallini. I fiori offrono alle cocorite semi non maturi, polline, nettare, petali dolci, tanti sapori diversi e non per ultimo: un modo più naturale di mangiare.

Erbe per pappagalliniVediamo una selezione di piante erbacee facilmente riconoscibili e che possiamo trovare in abbondanza nei prati nella stagione da marzo a ottobre. Le piante vanno raccolte preferibilmente al mattino, in posti lontani da strade trafficate e vanno accuratamente sciacquate a casa, per rimuovere meccanicamente eventuali uova di parassiti su di esse presenti. Per ciascuna erba è indicato il tempo balsamico, cioè il mese consigliato per la raccolta, nel quale è massima la concentrazione di principi attivi: ovviamente il concetto di tempo balsamico è da prendere con elasticità e le erbe possono essere raccolte anche in altri periodi(a seconda della zona e del clima possono anticipare o ritardare ), saranno ugualmente benefiche!

La gestione del pappagallino malatoI pappagallini in natura sono prede, pertanto tendono istintivamente a nascondere i sintomi di malessere, per non attirare l'attenzione dei predatori.I sintomi di indisposizione cui bisogna prestare attenzione sono l'inattività, la sonnolenza, gli occhi smorti o frequentemente chiusi, l'arruffamento del piumaggio

Cocorite durante la covaChiunque possieda una coppia di pappagallini cederà, prima o poi, all' irresistibile tentazione di farli riprodurre. Vediamo in questa guida tutto quello che c'è da sapere per affrontare nel migliore dei modi questa importante tappa della vita dei nostri piccoli amici.

Guida alla scelta del pappagallinoAbbiamo finalmente deciso: vogliamo adottare un pappagallino. Ma come orientarsi nella scelta? Meglio un soggetto o due? allevato a mano o no? Vediamo caso per caso quali sono i fattori di cui occorre tener conto.

Mutazioni cocoriteIntegriamo la sezione di genetica con questa sintetica ma completa guida alle mutazioni curata dal nostro moderatore Michele86.

Gli estrusi nella dieta dei pappagalliniUn'alimentazione varia è fondamentale per la salute dei nostri pappagallini, ma molti di loro, abituati alle miscele di semi, mal accettano di integrare la loro dieta con frutta , verdura, uova , cereali e legumi: in questi casi, la migliore alternativa è rappresentata dagli alimenti estrusi.

Esame delle feci dei pappagalliniUn esame medico ben fatto e l'osservazione quotidiana delle feci dei nostri pappagallini è una delle misure preventive che occorre adottare per preservare la salute dei nostri piccoli amici. Le deiezioni dei nostri piccoli pappagallini infatti possono darci informazioni importanti riguardo il loro stato di salute e ci possono allertare verso patologie latenti che, se scoperte troppo tardi, potrebbero compromettere gravemente il loro benessere.

Il grit nella dieta dei pappagalliniIl grit è una miscela di particelle insolubili di alcuni minerali(granito, silice, quarzo) che viene solitamente fornito ai pappagallini per la duplice funzione di integratore di calcio e di"digestivo": l'azione meccanica di queste particelle nel ventricolo dei pappagallini, infatti, aiuta a macinare i semi rendendoli in tal modo digeribili.

Semi germogliati per i pappagallini ondulatiI pappagallini ondulati hanno un'alimentazione basata sui semi: troppo spesso questa premessa porta i proprietari di soggetti tenuti in casa o in voliera a riempire la mangiatoia con le miscele per cocorite presenti in commercio e considerare archiviato il discorso alimentazione: facendo così alla lunga il pappagallino manifesterà problemi di salute e carenze più o meno gravi.

La divaricazione delle zampe nei pappagalliniLa divaricazione delle zampe nei giovani pappagallini (Splay Legs) è un evento che può capitarci, per cui è bene esser preparati ad affrontarlo al meglio, in quanto, se corretto tempestivamente, non lascia strascichi.

Argilla come cura naturale per i pappagalliniIn questo articolo vi parlo dell’argilla, un sedimento naturale dalle proprietà medicamentose che è bene tenere in casa per se stessi e per i propri amici pennuti

Intervista al dott. Marco Di GiuseppeCome intervenire in caso di malessere dei nostri piccoli amici alati, quali patologie si possono curare a casa e quali invece richiedono l'intervento del medico. Guida ai rimedi di pronto soccorso per i pappagallini con la collaborazione del dott. Marco di Giuseppe.

I due cocoriti Zampa e BirbaQuesta è una storia che racconta la grande amicizia che può esserci tra due cocorite: parto dalla fine. Birba ha salvato la vita al suo amico Zampa.

Il Parco dei PappagalliIl Parco dei Pappagalli: il primo parco ornitologico europeo monotematico, completamente dedicato agli psittaciformi, dei quali ne sono rappresentate circa 200 specie.
Sito web del Parco dei Pappagalli

Esaminare un nidiaceo di pappagallino cocoritoSia che si decida di allevare allo stecco un piccolo pappagallo, sia che lo si lasci alle cure dei genitori, è buona norma controllarne lo stato di salute, esaminandolo e osservandolo anche più volte al giorno.

La sindrome da auto-deplumazione nei pappagalliSi parla di sindrome da auto-deplumazione quando un pappagallo tende a beccare con forza, danneggiare ed asportare ripetutamente le proprie penne, impedendone una normale ricrescita e sviluppo...

Il volo libero dei pappagallini ondulatiImmaginate di non poter più muovere le gambe. Così devono sentirsi gli uccelli se li si rinchiude in gabbia tutta la vita. I pappagallini liberi nelle distese australiane sono dei campioni sia in velocità, sfiorando i 120 km orari, sia in acrobazie, con un corpicino leggerissimo, le ossa cave e polmoni efficienti che si adattano perfettamente a questo stile di vita. Il volo libero giornaliero è indispensabile per ogni pappagallino che viva in gabbia e fa parte della corretta gestione dei pappagallini.

I pappagallini sono tra gli uccelli più intelligenti e apprendono in modo incredibilmente veloce: alcuni si arrampicano come fulmini sulle scale o compiono su richiesta perfetti atterraggi, altri trascinano oggetti, li ordinano pe colore e svolgono esercizi di elevata abilità acrobatica. Tutte queste capacità richiedono lezioni giornaliere con un istruttore paziente ed esperto. Ma anche se avete poco tempo, con garnde sensibilità e pazienza , potrete stimolare i vostri pappagallini a compiere prestazioni sbalorditive.

Uso delle fascette alle ali per limitare il volo delle cocoriteCosa sono, come applicarle e quando invece non vanno usate. Guida a questo strumento di sicurezza per i nostri pappagallini.

E' etico allevare a mano una cocorita?Un giorno di primavera di un paio di anni fa stavo facendo la mai quotidiana corsetta nello splendido Parco romano della Caffarella, quando la mia attenzione si posò su un pastore che avanzava con passo deciso, tenendo in mano la carcassa penzolante di un cucciolo di capretto e, dietro di loro, mamma capra li seguiva belando con strazio, in stato di evidente disperazione. Cosa c'entri il capretto con l'eticità dell'allevamento a mano lo vedremo tra poco.

Di cosa bisogna tenere conto quando ci si relaziona con un pappagallo?Un pappagallo può essere un eccellente animale da compagnia ed un compagno affezionato e fedele. Per relazionarsi con lui e costruire un rapporto soddisfacente è fondamentale conoscerne le caratteristiche.

Un'ipotesi di costruzione di una voliera per pappagallini e cocoriteRealizzare una voliera spaziosa per le nostre cocorite con il fai-da-te non è difficile, basta un po' di pazienza. Tenendo conto delle esigenze dei nostri pappagallini è possibile riuscirci con una spesa tutto sommato contenuta.

mancata schiusa e morti embrionaliPrimavera, tempo di cove. Alzi la mano chi possedendo una o una coppia di cocorite, non abbia pensato almeno una volta di farle riprodurre. Assistere al meraviglioso fenomeno dell’accoppiamento, della cova , della successiva nascita dei pulli e della loro veloce quanto straordinaria crescita, è uno dei dono più belli che i nostri pappagallini possano farci.

speratura uova cocoriteUn'azione molto importante durante la cova delle nostre cocorite e quella di cercare di capire il prima possibile se le uova sono feconde o meno e se contengono un embrione vivo o meno: questa operazione si chiama speratura.

Il taglio delle ali delle cocoriteE' frequente imbattersi in persone che hanno a casa come animale domestico un pappagallino piuttosto che un cane o un gatto. La cocorita razzola in salotto, sta sulla spalla del proprietario, non scappa se ci si avvicina e sembra molto docile ed addomesticato: tuttavia, se lo si osserva attentamente, si nota che ha le penne delle ali visibilmente "accorciate".

Pappagallini e terapie a base di antibioticiE' abitudine fin troppo diffusa quella di ricorrere alla cura fai da te per molti malanni che possono colpire il nostro pappagallino: se questo è tollerabile per patologie passeggere di bassa gravità, curabili con rimedi dolci come tenere al caldo il volatile o integrare la sua dieta con un multivitaminico o antibiotici naturali(come l'aglio o la propoli), non lo è invece per patologie più serie che richiedono l'intervento del veterinario.

Il miele rappresenta un ideale integratore naturale nella dieta dei pappagalliContinuiamo il nostro viaggio tra gli integratori alimentari per pappagallini, occupandoci questa volta di quelli naturali. I più utilizzati sono il miele, il polline, la propoli e i fitoderivati.

In commercio esistono ottimi integratori multivitaminici per pappagalliniSpesso l'allevatore si pone il problema di integrare la dieta del proprio pappagallino con vitamine, minerali, aminoacidi e altre sostanze che possano completare un'alimentazione basata prevalentemente su semi. Vediamo in questo articolo come, quando e quanto bisogna integrare.

Dimorfismo sessuale nelle cocoriteMaschio o femmina? Molto spesso ci si pone questa domanda quando si decide di acquistare una cocorita, per questo motivo spero di fare cosa utile a scrivere sulle differenze, specialmente caratteriali, dei due sessi.

Rimedi fitoterapici per le patologie respiratorie delle cocoriteLe malattie respiratorie sono disturbi che si riscontrano molto frequentemente negli uccelli che vivono in gabbie e voliere:il freddo, l'umidità, gli sbalzi improvvisi di temperatura, le correnti d'aria e il sovraffollamento sono tutti fattori predisponenti e scatenanti le patologie all'apparato respiratorio, che possono essere causate da virus, batteri o funghi.

Iperplasia bruna alla cera di un pappagallinoIl becco: strumento importantissimo per i nostri piccoli amici. Con esso mangiano, si puliscono minuziosamente il piumaggio, si arrampicano, si difendono dai nemici, si fanno le coccole. Per questo bisogna prestare molta attenzione alla sua salute, dalla quale deriva in parte la salute generale del pappagallino.

I giochi per le cocoriteLe cocorite sono pappagallini che amano molto giocare: senza dubbio i loro giochi preferiti sono rosicchiare e arrampicarsi, per questo fornire cordicelle e rametti freschi, sia in gabbia/voliera, sia se si hanno libere a casa, è un'ottima cosa.

Posatoi per pappagallini ondulatiMolte gabbie sono fornite di posatoi, ma se sono di plastica sostituiteli subito. Preferire questo materiale al legno può essere giustificato da motivi igienici, ma i posatoi in plastica non sono affatto comodi per la maggior parte dei pappagallini ondulati, che possono finire con l'aggrapparsi alle sbarre della gabbia.

Allevamento a manoL'allevamento a mano è una pratica molto delicata, ma che, se correttamente effettuata può avere molti vantaggi. Le motivazioni per cui si può decidere di allevare un pullo a mano sono molteplici, ma tutte valide: sia che si desideri avere un pappagallino docile, affettuoso e completamente confidente in noi, sia che si debba salvare un piccolo abbandonato dai genitori, sia che si debba aiutare una coco che abbia avuto una covata numerosa, questa pratica è la soluzione ideale.

Pappagallino addestrato in vacanzaL'estate è appena passata, e voglio raccontarvi la mia esperienza di vacanze con 11 cocorite adulte, 4 pulli di 40 giorni e due pulletti appena nati al seguito. Quest'anno, visto il caldo che si è scatenato nella seconda metà d'agosto, la meta è stata la montagna. In camper.

Legni adatti e legni tossici per le cocoriteAndando a passeggiare per la campagna o per i parchi cittadini , mi sono spesso fatta tentare da rametti e cortecce da portare a casa per costruire giochini, trespoli e posatoi per i miei cochi. Tuttavia non tutti i legni sono adatti allo scopo

Dove tenere i pappagallini ondulatiAvere una o più cocorite libere per casa è la soluzione ideale per chi ama veramente questi esserini, ma occorre organizzarsi in modo da rendere serena la convivenza.Il pappagallino ondulato, per natura sceglierà sempre i posti più alti, quindi bisogna fornirgli un'alternativa più stimolante dei bastoni delle tende o dei lampadari...
Aggiungi un commento all'articolo
Il tuo nome:
Testo del commento
Suggerimento: per inserire immagini nei messaggi usare i tag [IMG][/IMG].
Esempio: [IMG]http://img249.imageshack.us/img249/913/cocoriticom.jpg[/IMG]
Ricordatevi di non superare i 500px in larghezza o l'immagine risulterà tagliata orizzontalmente
Per inserire link usare i tag [URL][/URL].
Esempio:[URL]http://www.cocoriti.com[/URL]