Vita da pappagalli
Geavet

COCORITI.COM

Portale del pappagallino ondulato

Accessi totali: 4620151
Accessi oggi: 179
Torna all'elenco blog cocorite
Forum cocorite

CocoBlog

- Forum dedicato alle cocorite (pappagallini ondulati)

Anteprima messaggio
Chiudi anteprima
Rispondi alla discussione corrente
Il tuo nome:
Testo della risposta

Inserisci nel post risorsa dal sito:  

Inserisci immagine nel post:   (una sola foto JPG, size massima 250kb)

    
7052
cocoblog
danyjrob Esperta in fitoterapia
COCO MASTER
Iscrizione: 29 Set 2013
Thread aperti:23
Commenti:579
29/09/2013 08:25

Miscela di semi da agricoltura biologica fatta in casa

Buongiorno, sono Daniela e amo le cocorite fin da quando ero alle elementari, mi hanno seguita anche alle medie e fino alle superiori, sono gli uccellini che preferisco in assoluto! Il primo pappagallino, Romeo, mi era stato regalato in occasione di una fiera: con lui ho vissuto splendidi momenti, praticamente eravamo sempre attaccati, prima di andare a scuola o al mare d'estate facevamo sempre la colazione insieme sul tavolo di cucina, poi tutto il pomeriggio dopo i compiti lo facevo volare, era abituato a prendere il cibo dalla mano, a farsi accarezzare e a venire da me se lo chiamavo per nome, benchè avesse la sua compagna (che non era così domestica) e abbia fatto tanti figli e fosse occupato con la sua famiglia in varie occasioni (ha nutrito tutti i piccoli, sempre) ogni volta che mi vedeva spingeva la porticina della gabbia e usciva (infatti avevamo dovuto mettere un legaccio, almeno per la notte), fosse anche solo per 5 minuti, prima di rientrare da solo. E non è mai scappato, nonostante la nonna qualche volta abbia lasciato la finestra aperta per sbaglio! Era stata amicizia da subito, in poco tempo aveva iniziato a prendere i semini di avena dalle mie dita (i suoi preferiti, glieli facevo anche germogliare insieme al miglio e li divorava) e poi il resto venne da solo, lo ricorderò sempre tutto verde e giallo con la coda e il sederino blu brillante. Ora sono diversi anni che non ho più cocorite, prima gli studi e poi il lavoro, sto pensando da qualche tempo di riprendermi una coppia, mio marito è d'accordo in quanto piacciono anche a lui, li trova simpatici, dice che portano gioia, gli racconto sempre di Romeo. Ho già acquistato la gabbia, è un modello mediamente ampio, la Ibiza Open della Ferplast, che ho trovato in sconto e che mi ha colpito perchè ha apposta la porta davanti che si apre con il posatoio per farli uscire comodamente, ma ho cambiato i posatoi con quelli in legno naturale della Trixie (quando ero bimba non esistevano queste cose) ed ho preso anche alcuni giochi in legno e corda fra i quali anche una scala che intendo appendere al soffitto della loro stanza. Sabbia a bordi arrotondati con gusci di conchiglie (ma senza profumo perchè non lo sopporto) ed osso di seppia non mancheranno, così come frutta e verdura fresche lavate ed asciugate tutti i giorni. Anche l'acqua dovrò mettere quella di bottiglia perchè qui quella del rubinetto è imbevibile, ci tengo che i coco mi durino parecchio, ricordo che ai tempi mettevo anche qualche goccia di limone. Ma girando sul web non ho trovato alcuna miscela di semi da agricoltura biologica per cocorite, e dato che per motivi di salute sono già diversi anni che mio marito ed io abbiamo preferito cibi biologici per noi ora vorremmo alimentare così anche le coco (che fra l'altro non ho ancora preso perchè qui nel palazzo stanno rifacendo la facciata e non voglio che si stressino con i rumori che fanno i muratori) e mi porto così avanti con la ricerca prima di prenderle. Mi è venuto in mente di utilizzare pertanto cereali in chicchi che già uso io, cioè di qualità per l'alimentazione umana e da agricoltura biologica, solo per due coco la spesa posso sostenerla, e potrei aggiungere anche fiocchi di legumi ed integrare con semi vari e in minima percentuale pure con erbe e fiori presi in erboristeria. Quello che mi lascia nel dubbio sono le percentuali, so che dipendono dalle caratteristiche nutrizionali di ogni elemento, io vorrei fare un mangime ben bilanciato per la stagione fredda ed uno per quella calda, considerando che qui fa abbastanza caldo dato che abitiamo a Cagliari.

Potrei scegliere fra questi cereali in chicchi (in ordine alfabetico):

amaranto 500gr. kc 374 kJ 1565 Glucidi 66.17 Proteine tot. 14.45g Lipidi tot. 6.51

avena decorticata 500gr. kc 378 kJ 1597 Glucidi 66.3 Proteine tot. 12.6g Lipidi tot. 6.9 Fibre Alim. 7.6g

grano saraceno 500gr. kc 314 kJ 1312 Glucidi 62.5 Proteine tot. 12.4g Lipidi tot. 3.3

miglio decorticato 500gr. kc 372 kJ 1557 Glucidi 73 Proteine tot. 11g Lipidi tot. 4

quinoa 500gr. kc 347 kJ 1467 Glucidi 62.2 Proteine tot. 11.7g Lipidi tot. 5.7 Fibre Alim. 8.9g  

segale 500gr.   kc 328 kJ 1359 Glucidi 64 Proteine tot. 9g Lipidi tot. 4

tra questi legumi in fiocchi già cotti e schiacciati ma disidratati:

fiocchi di azuki 250gr. kc 361 kJ 1528 Glucidi 62.9 Proteine tot. 19.9g Lipidi tot. 0.5 Fibre Alim. 12.7g

fiocchi di ceci 250gr. kc 409 kJ 1721 Glucidi 60.7 Proteine tot. 19.3g Lipidi tot. 6 Fibre Alim. 17.4g

fiocchi di piselli 250gr. kc 401 kJ 1692 Glucidi 60.4 Proteine tot. 24.5g Lipidi tot. 1.2 Fibre Alim. 25.5g  

ed infine i semi più oleosi:  

semi di girasole decorticati kc 570 kJ 2386 Glucidi 17.76 Proteine tot. 22.78g Lipidi tot. 49.57 Monoinsaturi tot. 9.46g Saturi tot. 5.2g Polinsaturi tot. 32.74g Fibre Alim. 10.5g

semi di sesamo kc 613 kJ 2534 Glucidi 8.3 Proteine tot. 19.5g Glucidi solubili 0.71g Lipidi tot. 55.7 Saturi tot. 8.58g Fibre Alim. 7g Ca 742g Na 0g Vit. E 12.9mg

semi di lino kc 471 kJ 1949 Glucidi 5.5 Proteine tot. 21g Glucidi solubili 0.96g Lipidi tot. 40.5 Monoinsaturi tot. 7.39g Saturi tot. 4.26g Polinsaturi tot. 28.86g Acido Linolenico 20.94g Fibre Alim. 22.9g Na 0.03g  

Si può fare una miscela base con questi ingredienti? In che percentuale inserirli? Poi una volta che capisco come funziona potrei alleggerirla per l'estate e arricchirla un pò per l'inverno, quando ero piccola ricordo che il mangime per le coco era fatto solo da miglio e avena, ora vorrei variare anche nella miscela. Consigli?   p.s.: sto leggendo vari articoli, complimenti sito molto ben fatto, però mi è venuta una nostalgia... :-)

jani Esperta in coco-alimentazione
MODERATORE
Iscrizione: 25 Ago 2013
Thread aperti:49
Commenti:1306
29/09/2013 09:42

non mi intendo di tutte le componenti che indichi tu...ma forse queste informazioni possono esserti d'aiuto. Io stessa sono molto facilitata a reperire rami, frutti e erbe selvatiche, abitando in zona rurale. Vedi tu cosa puoi fare per le tue coco!Ti indico i nomi in latino, così vai sul sicuro. Perchè io li so solo in tedesco, almeno la gran parte e dovrei cercare adesso su google...ma lo lascio fare a te!

Erbe selvatiche: Dactylis glomerata, Alopecurus pratensis, Poa trivialis, Lolium perenne

Arbusti: Sambucus nigra (fiori e frutti), Rosa canina (Frutti, ricchi id vitamine), Pyracantha coccinea (frutti maturi), Prunus spinosa (frutti maturi), Sorbus aria (frutti maturi - si possono anche congelare)

Altre piante verdi: Stellaria media (amatissima! - capsule dei semi semimaturi e maturi, foglie, fiori e steli), Taraxum officinale (foglie), Plantago lanceolata (foglie e spiga di fiori secca), Polygonum persicaria  (semi maturi), Zea mays (quando la pannocchia è anocra morbida, biancastra, non matura) Vicia cracca (foglie, fiori, semi), Trifolium avense (frutti maturi e i fiori, ricchi di nettare)

Gemme fresche di alberi e arbusti:

I rami non servono solo per al gioco delle cocorite. Loro adorano "sbucciare" i rami e facendo così, si nutrono di preziose vitamine, minerali ed altro. Le assumono tramite la corteccia e le gemme che dunque non vanno tolte!

Acero, betulla, frassino, noce, olmo, ontano, faggio, pioppo, tiglio, sorbo, castagno, salice, sambuco, nocciolo, alberi da frutta a semi (melo, pero, ecc.)

NON ADATTI: tasso, alloro, belladonna! Tutti gli alberi ad aghi non sono velenosi, ma la resina è dannosa.

Chiaramente erbe, semi, frutti, rami ecc. non vanno mai raccolti ai bordi delle strade o dove vengono usati pesticidi! E vanno lavati, anche i rami (personalmente non ho mai lavato i rami e sono sei anni che li do alle coco e non ho mai avuto nessun genere di problemi.)

Auguri e buone camminate!

P.s. io ho cominciato a "seminare" di tutto e di più nei vasi in terrazza, dal basilico alla lattuga, ma anche le varie "erbacce"...così le ho sempre a portata di mano, ovviamente nel periodo che ci sono.

sandrone65 the webmaster :-)
MODERATORE
Guidonia (RM)
Iscrizione: 13 Ott 2011
Thread aperti:30
Commenti:621
29/09/2013 12:21

Normalmente le miscele di semi per le cocorite si basano fondamentalmente sulla scagliola e il miglio bianco, a cui si può aggiungere in misura inferiore avena decorticata, panico, canapuccia e miglio rosso. Questi ultimi semi sono maggiormente calorici ed indicati nei periodi di pre-cova o cova o durante il periodo invernale per aiutare gli uccelli nel momento in cui il loro fabbisogno calorico aumenta. La scagliola è un seme fondamentale nella dieta degli ondulati e vedo che non è presente nella tua lista. Non esiste scagliola proveniente da agricoltura biologica? Al posto tuo tuttavia mi chiederei se vale la pena lanciarsi in sperimentazioni più o meno azzardate proponendo semi diversi da quelli normalmente utilizzati per nutrire i nostri piccoli amici e che chiunque abbia allevato per anni cocorite ha utilizzato con successo. Non voglio dire con questo che si debbano obbligatoriamente utililizzare le miscele classiche per principio d'autorità, tuttavia in questo caso bisogna disporre di conoscenze di biologia e nutrizione sufficientemente approfondite per valutare le alternative.   Bisogna inoltre tenere presente che la miscela di semi non è affatto l'unico nutrimento da somministrare alle cocorite, la cui dieta deve comprendere verdura, frutta fresca e secca, pastoncini, pane secco ecc.

danyjrob Esperta in fitoterapia
COCO MASTER
Iscrizione: 29 Set 2013
Thread aperti:23
Commenti:579
01/10/2013 15:27

Grazie jani per l'elenco sostanzioso di erbe, arbusti e gemme, inoltre per i preziosi consigli. Cercherò sul web questi nomi e relative foto in modo da poterli riconoscere quando andrò in campagna. Qui ci sono anche molte piante di mirto, avevo letto da qualche parte che si possono dare ai pappagallini. Per ora sono in fase di studio e ricerca, i ciccini li potrò prendere fra un paio di mesi quando saranno finiti i lavori nel palazzo e in casa in modo che sia tutto tranquillo per loro. Grazie sandrone65, immaginavo che durante l'inverno o in periodo di cova avessero bisogno di più calorie, ho trovato sul web anche i valori nutrizionali della scagliola: proteine 14% lipidi 5,5% carboidrati 52,5% calcio 0,3% fosforo 0,3% ma purtroppo questo seme ancora non esiste da agricoltura biologica. Vale più che la pena che io continui ad informarmi per offrire alle mie future cochette un'alternativa migliore e ragionata. Mi assicurerò che nessun seme alternativo alla scagliola possa dare problemi e vedrò di fare le cose con coscenza e consultando esperti. Non dico che le miscele già fatte non vadano bene, anzi, ma come ogni cosa di questo mondo, anche se in uso da tempo, può essere rivista sopratutto in relazione al fatto che mi da molto fastidio dover dare agli uccellini cibi contenenti pesticidi, conservanti, altri additivi e vitamine sintetiche. Mio marito ed io evitiamo anche per noi e volendo adottare due creaturine non mi sentirei a posto con me stessa se non facessi tutto ciò che è in mio potere anche per loro. Forse, e dico forse, la scagliola più che altro essendo usata così tanto per gli uccellini è economica (30 anni fa la si usava solo per i canarini e non c'era nelle miscele per pappagallini) e possono esserci altri semi altrettanto validi a livello nutrizionale ma conosciuti meno e sicuramente più costosi, questa è la pecca ma se ne vale la pena sono disposta a spendere di più. :-)

jani Esperta in coco-alimentazione
MODERATORE
Iscrizione: 25 Ago 2013
Thread aperti:49
Commenti:1306
01/10/2013 21:17

Ho trovato un negozio online che vende prodotti bio per animali. Ci sono parecchie cose, tra l'altro trovi anche la scagliola. Visto che per te le spese non sarebbero un problema, ti serve solo un dizionario o una persona che sappia il tedesco. Comunque vale la pena dare un'occhiata al sito. Personalmente penso che sia valido. Non ho trovato nulla di simile in Italia. Forse c'è, ma non saprei dove.

Se ne vuoi sapere di più o ti servono delle traduzioni, ti aiuterò volentieri, basta che smi mandi un messaggio.. http://ww2.biofuttershop.eu/ht/index.php?page=categorie&cat=27

Ci sono anche altri indirizzi se ti interessano, non proprio bio, ma con sementi, frutta secca ecc. direi validi.

clo
ADMIN
Brescia
Iscrizione: 02 Ott 2011
Thread aperti:58
Commenti:8179
01/10/2013 22:08

Ciao danyjrob e benvenuta.La storia del tuo Romeo è stupenda, esistono pappagallini che per natura sono portati a interagire maggiormnete con noi e Romeo era uno di quelli.....l'idea di dare ai cochini semini di agricoltura biologica mi era venuta tempo fa e per loro avevo comprato l'avena e il miglio da natura si.....purtroppo per qualche oscuro motivo, il miglio decorticato non è mai stato preso in considerazione da nessuno....e non ho ancora capito il motivo dato che è lo stesso che costituisce la maggior parte delle miscele classiche......riguardo gli altri semi che suggerisci, eviterei esperimenti perchè non sappiamo se contengono qualche micronutriente che può far male.Riguardo ai legumi, puoi utilizzarli cotti nei pastoni(ceci e piselli) mentre con i semi oleosi non eccedere, i grassi spappolano il fegato ai nostri amati pappagallini...

danyjrob Esperta in fitoterapia
COCO MASTER
Iscrizione: 29 Set 2013
Thread aperti:23
Commenti:579
02/10/2013 00:45

Grazie jani per questo sito tedesco! Ma è meraviglioso, pieno di cose utili, vedrai che per guardarmelo bene imparerò pure la lingua :-), merita ulteriore approfondimento e da sola non lo avrei mai trovato! Però ho cercato sul web i vari nomi di tutte e tre le pagine che mi hai gentilmente indicato mettendoli nell'enciclopedia per avere il nome latino e poi per ritradurlo in italiano ma la scagliola non l'ho trovata proprio, ho guardato a salti anche in altre categorie ma nulla, per favore mi dici il nome esatto in tedesco? Speriamo che spediscano anche qui in Sardegna, i prezzi sono come da negozio bio! Dato che ti sei offerta allora approfitto se mi serve in futuro, sei veramente un tesoro! Grazie Clo per il benvenuto, si Romeo rimane il mio cocorito del cuore, a dire il vero quando ero bimba avevo anche canarini e l'usignolo americano, un giorno vi racconterò le loro storie insieme ai cocoriti, anche loro erano così domestici da salire sul dito e sulla spalla e mangiare dalla mano (a parte il maschio canarino che stava più per conto suo) ma quello che mi davano i pappagallini era molto di più, non si può paragonare, eppure in casa i pappagallini piacevano solo a me in quanto per i miei il canto dei canarini e dell'usignolo era molto meglio, io comunque preferivo quello delle coco, molto più simpatico... e poi Romeo mi "lisciava" pure i capelli con il becco, beh più di così... forse il modo con cui si pone una bimba facilita il fidarsi degli uccellini, spero di non aver perso la "magia" con gli anni, vedremo! E' tutto il giorno che cerco info sul web riguardo i semi, ci tengo a fare le cose con criterio, ho già trovato alcune informazioni utili su siti di ornitologia. Riguardo la scagliola quello che viene ripetuto maggiormente è che viene usata principalmente per i canarini (che non vuol dire che non vada bene anche per le coco) e che è un seme già completo di suo in quanto ha un rapporto di carboidrati, proteine e grassi equilibrato, quindi altri semi possono fare da contorno. Però benchè abbia proteine, grassi grezzi e raffinati è povero di alcuni aminoacidi che vanno quindi integrati comunque in altro modo e mi ha colpito il fatto che abbia visto in diversi siti una percetuale di grassi maggiore rispetto al miglio che ne ha meno quando poi leggo nei forum di dare poco miglio perchè è grasso ma al contempo si da mangime costituito per la maggior parte di scagliola. Per il momento sono più propensa a non dare scagliola in percentuale così maggioritaria, ma di metterla insieme ad altro, sono convinta che per un'alimentazione completa sia necessario variare con più semi adatti allo scopo che lavorano in sinergia assicurando tutti i nutrienti. Che poi i mangimi a base di scagliola siano più che validi e anzi migliori di tanti altri che ci sono in commercio non lo metto in dubbio e ho appena iniziato la mia seria ricerca, solo che se scopro che posso dare semi più completi e variandoli allora mi chiedo che senso potrebbe avere insistere solo con quello, magari la scagliola è meglio per semplificare (sempre che non scopra altre particolari proprietà che la rendano particolare però dai valori nutrizionali è simile ad altri semi) ma prendendo altre sementi, ancora più costose perchè meno conosciute e più nutrienti forse potrei fare pure meglio. Continuerò ad informarmi ed ho acquistato un libro specifico per le cocorite dove potrò sapere le percentuali giuste di carboidrati, proteine, grassi (ma questo ho già letto più volte che non dovrebbe superare il 5% in estate e l'8% d'inverno, all'aperto max il 10%) ecc. in modo da potermi vedere tutte le varie percentuali. Intanto oggi ho scoperto che tutti i semi che ho elencato vanno bene per le coco (tranne la segale che non ho avuto tempo di cercare), l'amaranto è già presente in miscele per ondulati, il grano saraceno è utilizzato sia in miscele pronte che fatte da altri amanti delle coco e di questo vengono date anche le gallette al posto del pane duro, la quinoa è un ottima fonte di proteine complete di tutti gli aminoacidi necessari e i grassi che possiede sono di prevalenza insaturi ed è consigliata per integrare la scagliola, dato che è ricca di lisina che alla scagliola manca, la usano per i pulli ma non per gli adulti purtroppo per via del costo, gli azuki li ho visti già in alcune miscele e pastoni caserecci ed in effetti sono da considerare perchè molto proteici, inoltre per me i legumi in fiocchi già cotti potrebbero essere pratici lasciandone qualcuno nella mangiatoia senza paura che marciscano subito, i semi di girasole (ricchi di vitamina E), quelli di sesamo di vitamina E e di omega 6 ma carenti di omega 3 (assolutamente da prendere quelli NON tostati) sono rinforzanti, mentre quelli di lino sono ricchi in omega 3 e migliorano le condizioni cutanee. Mi ha colpito che oltre al lino, che ammollandolo poi il gel si può mettere per arricchire i pastoni, c'è la chia che contine omega 3 in quantità 8 volte superiore rispetto al salmone, ed è pure molto antiossidante, anche qui mettono il gel nel pastone o i semi nel mangime, tenendo presente che se tritato irrancidisce presto come il lino. Si possono trovare sul web altri approfondimenti, se vi interessa basta fare qualche ricerca. 'Notte a tutti! :-) p.s.: ho letto il racconto della vacanza in camper con le cocorite, che bello, mi sono ricordata quando andai anche io in montagna e per tutto il viaggio tenetti la gabbia sulle ginocchia, prima o poi dovrò rifare una vacanza così ma non tenendo la gabbia tutto il viaggio ;-) ; ho letto anche la storia di Birba e Zampa e mi sono commossa così tanto che l'ho fatta leggere anche a mio marito!

danyjrob Esperta in fitoterapia
COCO MASTER
Iscrizione: 29 Set 2013
Thread aperti:23
Commenti:579
07/10/2013 01:09

Per chi può interessare ho trovato in quel sito bellissimo la pagina per le miscele adatte alle cocorite, wellensittiche in tedesco http://ww2.biofuttershop.eu/ht/index.php?page=categorie&cat=185 ce ne sono ben 9 tipi diversi! Purtroppo la scagliola (Kanariensaat in tedesco) non è bio ma da agricoltura convenzionale anche se la mettono nelle miscele bio, e qui mi fa pensare che bio proprio non esista e da sola comunque non la vendono. In ogni caso le miscele ad una prima occhiata mi sono piaciute molto e secodo me sono certamente da tenere in considerazione. Anche questo pellet http://ww2.biofuttershop.eu/ht/index.php?page=product&info=1507 mi ha incuriosita, mi piacerebbe provare qualcosa da questo sito, dovrò scrivere per sapere se spediscono qui perchè al momento l'Italia non è tra le scelte selezionabili, speriamo... comunque va bene se non altro per prendere spunto e per me è un sito valido. Questa settimana ho anche chiesto al mio negozio bio se mi portano pure la scagliola, per le persone si usa il "latte di scagliola", cioè scagliola e acqua, poi si beve l'acqua lattiginosa per dimagrire e depurarsi, quindi dato che anche in passato mi hanno procurato diverse cose penso che se esiste bio riuscirò a farmela portare!

danyjrob Esperta in fitoterapia
COCO MASTER
Iscrizione: 29 Set 2013
Thread aperti:23
Commenti:579
26/10/2013 16:39

Aggiorno per dire che per chiunque fosse interessato il negozio tedesco ww2.biofuttershop.eu mi ha risposto dicendomi che spedisce anche qui in Italia con DHL. Sono stati molto gentili e disponibili e basta scrivergli semplicemente in inglese, per chi come me, ha difficoltà con il tedesco. Ancora grazie jani per avermelo indicato! :-)

 

Edit: il pellet che vendono in questo negozio è della Totally Organic http://totallyorganics.com/ e al momento secondo me è il migliore in quanto a qualità e scelta delle materie prime, assenza di additivi e altre sostanze nocive, ci sono anche i semi da dare così oppure da ammollare o da far germogliare più uno snack sano. Mi ha fatto piacere trovarlo e condividere questa cosa con chiunque fosse interessato.

Oltre al sito tedesco di cui sopra lo vendono anche su http://www.northernparrots.com/totally-organics-crumbled-pellets-tops-bird-food-prod570905a/ e spediscono anche qui, anche se spero di trovare presto questo mangime, così come ho già trovato quelli della Harrison's, anche qui in Italia.

Forum dedicato alle calopsite
Forum dedicato alle calopsite
Forum dedicato agli agapornis
Forum dedicato agli agapornis